Benvenuto Ospite

PRIMO PIANO

Memoteca

-> eBOOK

Viaterrea

Partners



Con la patecipazione della Provincia di Forlì-Cesena. Assessorato alla Cultura


Con Il contributo del Concorso
"Le Nostre Montagne"
dell'Assessorato ai Beni Naturali ed Ambientali della Provincia di
Forlì-Cesena


On-line

Ci sono 10 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

 
LA RESISTENZA
Mercoledì, 20 Agosto 2008 - 15:14 - 5316 Letture
Se oggi abbiamo una Costituzione e una democrazia è anche grazie al loro sacrificio...

Ecco tutti i video che riguardano la storia della Resistenza in Romagna e in Italia:

GIOVANNA MIA.
Una canzone popolare racconta la storia del primo caduto della Resistenza in Romagna. Di Marco Battistini, Giancarlo Dini, Davide Oriani (2005):


I partigiani

Non è per via della gloria, che siamo andati in montagna, a far la guerra. Di guerra eravam stanchi, di patria anche. Avevamo bisogno di dire: lasciateci le mani libere, i piedi, gli occhi, le orecchie; lasciateci dormire nel fienile, con una ragazza. Per questo abbiam sparato, ci siamo fatti impiccare, siamo andati al macello col cuore che piangeva, con le labbra tremanti. Ma anche così sapevamo che di fronte a un boia di fascista noi eravam persone, e loro marionette.

[Nino Pedretti, Al vòusi e atre poesie in dialetto romagnolo, Torino, Einaudi 2007, pp. 17-18]



GENTE DI ROMAGNA. Storia della Resistenza in Provincia di Forlì-Cesena:
  • PARTE PRIMA


  • PARTE SECONDA:


  • PARTE TERZA:


  • I MARTIRI DELLA REPUBBLICA.

    Silvia Calamandrei legge la lapide di Forlì, scritta da Piero Calamandrei



  • La formazione non violenta di un giovane antifascista romano

    A fianco di Teresa, sua sorella maggiore e Gappista di Roma (futura moglie di Franco Calamandrei), Paolo Regard (17 anni nel 1943) vive alcune delle principali azioni antifasciste non violente nella Roma occupata.
    Prima Parte dell'intervista


    «Se non ci fosse stato il fascismo non ci sarebbero state le leggi razziali. Il fascismo è stato allora e rimane ancora una malattia contagiosa, e c’è sempre il pericolo che, se non lo si ferma, diventi inarrestabile. Il nuovo fascismo ha già contagiato altri partiti qui in Italia. È un’infezione che va bloccata»
    Piero Terracina, sopravvissuto al campo di sterminio di Auschwitz, sulle parole del sindaco di Roma Gianni Alemanno, Ansa 7 settembre 2008


  • I PARTIGIANI RUSSI.
    Le memorie del reduce Aguinaldo Manuzzi ci raccontano la tragica ritirata italiana dal fronte Russo


  • "UNA DONNA DI NOME IRIS" - parte finale
    Storia della partigiana IRIS VERSARI



  • PIERO E SILVIA CALAMANDREI:
    La figura di Piero Calamandrei, padre della Costituzione italiana e cantore della Resistenza, raccontata dalla nipote Silvia Calamandrei.



  • "La ragazza che voleva giustiziare Mussolini";
    Seconda parte della storia di IRIS VERSARI.



  • VITA PARTIGIANA, di Umberto Fusaroli Casadei
    Intervista a Umberto Fusaroli Casadei, classe 1926, ex comandante partigiano,grande invalido della guerra di Liberazione e quindi combattente in Mozambico contro il colonialismo.
    Fusaroli ci parla dell'organizzazione di una brigata partigiana e della vita partigiana di tutti i giorni.



  • TAVOLICCI 22 LUGLIO 2008
    RICORRENZA DELL'ECCIDIO TAVOLICCI 22 LUGLIO 2008



  • LA BIBLIOTECA DELLA MEMOTECA. Testi, articoli, discorsi storici e approfondimenti sulla nostra storia.

  • VIATERREA su Youtube

  • FASCIST LEGACY For those who suffers for selective history amnesia. Per tutti quelli she soffrono di vuoti di storia selettivi..



    Note:
  • FASCIST LEGACY For those who suffers for selective history amnesia. Per tutti quelli she soffrono di vuoti di storia selettivi..
  •  

     


    Powered by MD-Pro