Benvenuto Ospite

PRIMO PIANO

Memoteca

-> eBOOK

Viaterrea

Partners



Con la patecipazione della Provincia di Forlì-Cesena. Assessorato alla Cultura


Con Il contributo del Concorso
"Le Nostre Montagne"
dell'Assessorato ai Beni Naturali ed Ambientali della Provincia di
Forlì-Cesena


On-line

Ci sono 11 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

 
Bacheca : <b>Violenze in parlamento!</b>
Martedì, 04 Febbraio 2014 - 07:49 - 3530 Letture
di Pasquale Videtta



«Mai vista tanta violenza», «siamo al punto più basso», «il M5S è eversivo», «siamo al degrado totale», «mai in Parlamento cose del genere». Tutto questo perché il M5S ha occupato i banchi del Governo, ha protestato contro la ghigliottina e ha legittimamente usufruito dell'ostruzionismo.

Il 18 Marzo del 1949, dopo la votazione che sancì l'adesione dell'Italia alla Nato, Giuliano Pajetta (Pci) si lanciò «a catapulta» (citazione del resoconto parlamentare») contro un collega, dando inizio ad una maxi rissa di quindici minuti che vide persino il lancio di un cassetto. Giulio Andreotti descrisse così l'episodio: «Si andò avanti a oltranza, tre giorni e tre notti. Però l’ ostruzionismo comunista, più che sulla logorrea, puntava sulle intemperanze, per far sospendere la seduta. Ai Comuni i deputati britannici solevano leggere la Bibbia. A Montecitorio volavano insulti, talora anche banchi».

L'1 Aprile del 1952 è un deputato della Dc, Albino Stella, a rendersi protagonista di una scazzottata contro il monarchico Ettore Viola.

Il 29 Marzo del 1953 si raggiunse l'apoteosi: in Aula si discuteva della cosiddetta «legge truffa» voluta dalla Dc. I minuti di rissa furono 50 e portarono al ferimento e alla "fuga" del presidente del Senato Meuccio Ruini, colpito da una tavoletta e contestato per il suo operato durante la discussione. Volarono i banchi. Particolarmente acceso fu Sandro Pertini, che si rivolse così al Presidente del Senato Ruini: «Lei non è un presidente, è una carogna! Un porco!». Prima di Ruini, sempre durante la discussione della «legge truffa», si dimise per la paura un altro Presidente del Senato, Giuseppe Paratore, anche lui vittima di lancio di tavolette, mentre gli esponenti del Pci invocavano una piazzale Loreto per i democristiani.

Ancora: il 4 Dicembre del 1981, durante una rissa, il Radicale Cicciomessere salta sui banchi del Governo, cade a terra e viene quasi assalito dai deputati del Pci, fermati in tempo dai commessi.

A proposito di ostruzionismo: il Radicale Teodori parlò per 16 ore e 15 minuti, ma fu superato da un suo collega di partito (Boato), che parlò per 18 ore. Cerruti del Pci, nel 1949, parlò per 8 ore per evitare l'ingresso dell'Italia nella Nato. Negli anni '80, il Pci si rese ancora una volta protagonista dell'ostruzionismo: si ordinò persino ai deputati di aumentare la durata degli applausi. Sempre l'ostruzionismo del Pci, impedì a Craxi (anche se solo provvisoriamente) di attuare il taglio della scala mobile.

Erano proprio fascisti ed eversori questi comunisti, democristiani e radicali.

(grazie a Polis Blog, repubblica.it, archivio del Corriere, il Giornale e Panorama, senza i quali sarebbe stato impossibile ricostruire alcuni episodi celebri)




Note:
  • Leggi: Intervista a Domenico Gallo sulla riforma costituzionale

  • Epigrafe di Piero Calamandrei

  • Vai a: Beati gli Operatori di Pace, gli uomini che hanno costruito la PACE



  • Leggi: Storia della Costituzione Italiana

  • Vai a: Guida alla Costituzione, una buona sintesi delle modifiche principali apportate alla Costituzione, tratte dal Corriere della sera

  • Per la difesa della Costituzione Repubblicana e Antifascista

  • Eccidi in Romagna.Gli ultimi due anni della seconda guerra mondiale, dal settembre 1943 all’aprile 1945, sono caratterizzati da numerosi eccidi, stragi e rappresaglie compiute dalle forze di occupazione tedesche e delle RSI.

  • vai a: Discorso di Calamandrei agli studenti milanesi del 1955

  • Fascismi di ieri e di oggi, di Massimo Sani
  • Leggi: Quattro idee per la Costituzione, di Norberto Bobbio

    Democrazia in briciole, decalogo contro l'apatia politica.
    Interviene Gustavo Zagrebelsky, Presidente Emerito della Corte Costituzionale

  • Ascolta: (File audio): l'intervento di aGustavo Zagrebelsky

  • Visita il sito: www.beati.org

  • Leggi i : Principi Fondamentali della Costituzione Italiana

  • leggi: Guida alla Costituzione. Una buona sintesi delle modifiche principali apportate alla Costituzione, tratte dal Corriere della sera

  • LA GUERRA FREDDA IN ITALIA. Crediamo che a oltre venti anni da episodi come il sequestro e l'omicidio di Aldo Moro siano maturi i tempi per tentare uno sforzo interpretativo di quei tragici eventi …(PDF)

  • Vai a: Antonino Caponnetto e la Costituzione. Il documento é stato ricavato dalla registrazione di un incontro svolto (probabilmete nel 1999) con una scuola media superiore, integrato con frasi prese dal libro " A. Caponnetto, eroe contromano in difesa della legalità".

  • Vai a: Charlie Chaplin: il discorso del Grande Dittatore

  • Leggi: Speciale Giornata della Memoria

  • Archivio degli articoli della Memoteca. Articoli e approfondimenti

  • Bibliografia

  • BELLA CIAO, Torna la Resistenza.

    SENTIERI DELLA MEMORIA



    INSMLI - Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia

    Locations of visitors to this page

    "La guerra non può essere modificata, deve essere abolita."
    di Albert Einstein
    Frase pronunciata all'indomani della Grande Guerra.
  •  

     


    Powered by MD-Pro